Il rilancio del Polo aereo spaziale deve passare anche per il Cira di Capua e Grazzanise

E' un giorno di festa oggi per il Polo aereonautico di Pomigliano d'arco si festeggia in pompa magna la consegna della 1500 .ma fusoliera ATR, vanto del Progetto Leonardo in collaborazione con i cugini d'oltralpe. Scelgo questo giorno allora per porre all'attenzione del dibattito politico il  futuro del Polo aereo spaziale campano, la sfida  è dietro l'angolo. Ebbene si, il Ministero della difesa ha stanziato 680 milioni di euro per la realizzazione di un Drone aereo da parte di Leonardo in collaborazione con la società araba  Abudala, che attraverso la controllata Piaggio concorrerà alla realizzazione del progetto, in gran parte da farsi in Italia. Pertanto penso che per quanto concerne le attività di sperimentazione del nuovo velivolo vi sia bisogno di un aereoporto con immediato sbocco al mare, e noi pensiamo subito a Grazzanise, tra l'altro non distante da Pomigliano (Leonardo), mentre per il settore ricerca tecnologica e innovazone sia facilmente candidabile  il Centro italiano ricerche aerospaziali (CIRA) sito in Capua , adiacente a Grazzanise , dove tra le altre cose convive una postazione di ricerca dell'araba Piaggio partner istituzionale del progetto. Insomma gli ingredienti per la realizzazione del triangolo dell'aereospazio in Campania ci sono tutte, la classe politica del nostro territorio saprà finalmente portare a casa un risultato che porterà lavoro per i prossimi vent'anni? noi ci siamo e da oggi lanciamo questa sfida!!