La Macroregione Meridionale al centro del dibattito politico

Oggi 10 Aprile al Gambrinus di Napoli, è stato presentato il comitato referendario per l'istituzione della macroregione autonoma del Sud. Il grande tema della governance del territorio , il giusto equilibrio tra poteri centrali e quelli del decentramento amministrativo , la gestione integrata dell'autonomia dei governi locali nel quadro complessivo dell'interesse nazionale sono finalmente nell'agenda politica non solo del Movimento Nazionale, che già a Luglio presentò alla camera un progetto di legge Costituzionale, ma di numerose forze sociali e politiche , pertanto aderiamo con favore e con animo di massima collaborazione ai lavori di questo comitato, fieri di esseren stati per certi versi i precursori politici .

Alla luce delle recenti iniziative autonomiste, che hanno visto le regioni del nord protagoniste di un enorme istanza presentata al governo, che di fatto, pongono le stesse come un unica macroregione che va dalla Emilia Romagna al Friuli Venezia Giulia, è assolutamente necessario che anche al sud , ci si ponga il problema del livello di governance che si vuol costruire, nella cornice dell'unità nazionale, ma alla luce dei temi e dei principi contenuti nell'art. 116 della Costituzione e nelle leggi delega di riferimento, sin ora inattuate.,

Una grande occasione di dibattito politico, di confronto delle classi dirigenti deve animare anche nel mezzogiorno un laboratorio di idee per il rilancio della porte verso il mediterraneo, cioè il mezzogiorno, e decidersi finalmente a smettere di subire il destino ma di cominciare a costruirlo da se!