Normativa su rifugiati ingestibile per I' Italia

Colgo per questa riflessione, la notizia di poche ore fa circa una protesta che un nutrito gruppo di rifugiati, o richiedenti asilo, stanno attuando in Viale Carlo Terzo, principale arteria in entrata ed in uscita dalla città di Caserta, dove tra l'altro questo nutrito gruppo di rifugiati, e' comodamente ospitato in un bellissimo albergo della città a carico del governo, cioè a carico nostro,,oltre al vitto giornalmente e gratuitamente somministratogli, il motivo della protesta è, il ritardo della loro diaria che consta di 40 euro netti al giorno, cioè 1200 euro al mese, ovvero per rendere l idea, piu' di un funzionario pubblico con laurea di livello c1. Non entro nel merito del diritto di costoro di manifestare, ovviamente da italiano, il mio pensiero va alle migliaia di lavoratori che pur non essendo ospitati in albergo, continuano a lavorare senza stipendio, e mantengono anche una famiglia, o penso , da meridionale, sopratutto, a coloro che il lavoro non lo hanno mai avuto e cercano con dignità di andare avanti. Ma mi chiedo, come potrà il nostro paese sostenere i costi di quest'operazione, visto che in ottemperanza di Triton, e Dublino III, il paese primo che ospita un rifugiato dovrà obbligatoriamente dare ospitalità, fare istruttoria, provvedere al vitto, alla diaria, e fino ad istruttoria conclusa,. cioe' almeno un anno e mezzo?, Il richiedente asilo, pur volendo, non potrà andare in nessun altro paese comunitario, ma sarà costretto a rimanere in Italia. Ora, penso che persino Renzi, e la Mogherini, riescano a capire, che i richiedenti asilo vengano da sud e non da nord, come abbiano fatto ad accettare tali condizioni, che ovviamente mettono il nostro paese in prima linea esposto di fronte a sbarchi di migliaia di rifugiati che avremo l'obbligo di trattenere mentre gli altri se ne infischiano...... basteranno gli alberghi??? magari ci requisiranno pure le case..... tanto , ci ha dato 80 euro!!