Per non dimenticare

Ventidue anni fa, lo ricordo come fosse oggi, il grande senso d'impotenza, la rabbia e l'angoscia, il dolore, il senso di uno Stato che pareva in ginocchio di fronte alla sorda violenza della mafia, che stroncava la vita di Paolo Borsellino e della sua scorta, quel 19 Luglio indimenticato di ventidue anni fà, di chi come me a ventun anni, credeva come crede in uno STATO DI DIRITTO, in un paese dove nessuno, specie chi e' in trincea, come lo era lui, potesse essere lasciato solo,oggi mi rendo conto che il suo sacrificio non è stato vano, il suo insegnamento è indelebile nella migliore gioventù che anche stasera a Palermo lo ricorderà con la tradizionale fiaccolata, come lo ricordano ogni giorno tutti coloro che nello stile quotidiano, nel loro lavoro, nello studio, nella militanza politica o nell impegno sociale declinano i valori incarnati da Paolo Borsellino, un grande uomo, un grande Italiano!!!