Se la Valle d'Aosta può dire no, anche Caserta può farlo

"La situazione degli immigrati e' sempre piu' grave, e non e' detto che si debba sempre dire si ad Alfano ed alle sue scelte discutibili, non ne possiamo piu', se la Val d Aosta rifiuta altri immigrati penso possiamo fartlo anche noi, abbiamo già dato" è quanto affermato ieri da Marco Cerreto dirigente di Fratelli D' Italia nel corso di un incontro con propri sostenitori ad Alvignano, infatti sarà proprio nel alto casertano e precisamente a Vairano che saranno allocati altri 100 immigrati che la notte scorsa sono arrivati alla questura di Caserta, per essere identificati, a tal proposito aggiunge Cerreto " tutta la nostra solidarietà agli agenti che stanno facendo un lavoro incredibile e molto paziente, testimonianze  raccontano di soggetti molto aggressivi, in condizione di salute decisamente non buone, altri hanno tentato di fuggire riuscendoci, scavalcando il muro di confine con la Reggia di Caserta, andando chissà dove, penso che la nostra comunità abbia già dato, ma il piano del governo e' quello di continuare a far sbarcare altre migliaia di immigrati per allocarli nell alto casertano, nel caiatino e se serve nella città di Caserta, chiediamo pertanto che si ponga fine a qualsiasi attività di accoglienza in tutto il territorio della provincia di Caserta"